Subito lo stato di calamità per i paesi colpiti dagli eventi alluvionali di questi giorni

La deroga al patto di stabilità per i Comuni colpiti dagli eventi di questi giorni è un atto dovuto. Per la verità, occorrerebbe ridiscutere il patto di stabilità in generale, lavorando per scorporare da esso le spese per investimenti. Ma per intanto, con urgenza, siamo a chiedere il rapido intervento della Regione a fronte delle calamità naturali che sono capitate al nostro territorio. Ci sono Comuni che, senza la rapida dichiarazione dello Stato di calamità, non avrebbero i soldi per fare praticamente nessun intervento. Persino fare le assicurazioni per i volontari che collaborano con la protezione civile, coi vigili del fuoco e coi dipendenti di Comune e Provincia ha un costo, che non può gravare interamente sulle casse dell'ente locale. Se vi è la disponibilità di altri fondi, come quelli dell'ATO, è necessario che vengano sbloccati in fretta.

E' inoltre necessario riflettere sulla spesa per la manutenzione ordinaria, in particolare sulle strade e sulla tutela dei boschi e del territorio, perché tanto più rapidamente e ordinariamente si interviene, tanto meno i danni si faranno sentire, anche a livello di costi. Ma se la Provincia negli ultimi anni ha dovuto trascurare la manutenzione stradale ordinaria, non è certo colpa sua e tantomeno è colpa dell'amministrazione attuale, che anzi si è subito dedicata con tutte le forze a intervenire sul territorio.

La Regione e il Governo dichiarano di essere sensibili e visitano i nostri territori colpiti dalle alluvioni. Ora dobbiamo evitare le lungaggini, sbrigare rapidamente le carte e dare risposte ai nostri amministratori e concittadini.


Paolo Furia

Segretario Provinciale Partito Democratico Biellese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *